Qual è il futuro dell'intrattenimento / TV?

Qual è il futuro dell'intrattenimento / TV?

Lo spettacolo è antico quanto la stessa razza umana. E ha sempre rispecchiato il livello tecnologico e le possibilità dei tempi. Durante le giornate pretecnologiche, l'intrattenimento sembrava andare verso l'esterno, con un maggiore interesse investito in spettacoli o performance basate su incontri pubblici e atti sul palcoscenico. I resti di tale intrattenimento si possono vedere ancora oggi sotto forma di circhi, spettacoli pubblici o concerti.

Tendenza verso l'interno

Con l'avvento dei gadget di intrattenimento che potevano essere confinati nel vostro spazio domestico, la gente ha iniziato a trattare l'intrattenimento come un'esperienza più individuale, piuttosto che di gruppo. Prima la radio, poi la televisione, arrivando infine a gadget individuali e sempre più personali come console di gioco, tablet o anche smartphone. Anche se l'idea del bog gathering in cui le persone si intrattengono in grandi gruppi e condividono l'esperienza non si è estinta, sempre più persone si trasformano in quelle forme di divertimento più individuali che, grazie alle funzionalità di condivisione sociale online, diventano comunque parte di un grande gruppo.

Andare in piccolo o in grande?

phablet

Alcuni anni fa, sembrava che la costruzione di dispositivi mobili (compresi quelli destinati all'intrattenimento) sarebbe andata in miniaturizzazione. Prima dell'era o delle apparecchiature abilitate a Internet e degli schermi HD, i produttori cercavano di spremere il più possibile in uno spazio ridotto. Anche i film di fantascienza dell'epoca spesso presentavano i dispositivi di comunicazione come piccoli oggetti portati al polso o dietro l'orecchio. La parte di intrattenimento doveva essere in forma di ologramma o di proiezione direttamente davanti agli occhi o all'interno del cervello.

Con l'alba degli schermi ad alta definizione e di Internet a banda larga, i dispositivi hanno dovuto adeguarsi alla domanda. Acquistare un televisore da 64" per un appartamento di medie dimensioni, considerato assurdo non molto tempo fa, non è oggi niente di insolito. Qualche anno fa, la gente rideva degli uomini d'affari che parlavano su ingombranti e grandi telefoni cellulari (ricordate i telefoni in mattoni degli anni '80?). Le stesse persone (quando non lo usano per l'intrattenimento) parlano su televisori portatili...

Sempre più segmenti di intrattenimento (film e giochi) si affidano a immagini a più alta definizione e le dimensioni dello schermo sono importanti. Ad eccezione della realtà virtuale, solo un'immagine più grande è in grado di fornire allo spettatore/giocatore un'esperienza reale di immersione nella trama. Ecco perché la TV diventa sempre più grande. Cosa c'è dopo?

3D, 4D, ...?

Entrare nell'immaginario stereoscopico in TV sembrava la direzione più logica e desiderata. L'eccitazione delle prime sale cinematografiche e degli spettacoli in 3D con gli oggetti che si affacciano sullo schermo in modo che si senta il desiderio di allungare la mano e afferrarli alimentava le aspettative di avere un'esperienza simile in TV. Se a ciò si aggiungono ulteriori sensazioni come il movimento, l'olfatto o alcuni semplici effetti fisici di, ad esempio, soffiare aria o spruzzare acqua sul viso proprio come nel cosiddetto cinema 4D, le speranze erano ancora più grandi. Teoricamente, era solo una questione di tecnologia adeguata che, alla fine, è arrivata.

E? Una tempesta in una tazza da tè. Sembra che l'intera faccenda del 3D sia stata solo un lampo di genio. Non è andata come ci si aspettava e anche se i maggiori produttori di televisori spingono ancora per i loro televisori 3D, la richiesta di questo tipo di funzionalità non è così grande come tutti si aspettavano. Forse si tratta di una certa delusione per la tecnologia che non è così impressionante come la gente pensava. Inoltre, indossare sempre occhiali 3D è troppo scomodo per uno spettatore medio. Bisognava concepire qualcos'altro.

Esperienza HD(R)

hdr-fire

Con il boom dei televisori a grande schermo, i produttori hanno dovuto fare i conti con la risoluzione delle immagini in modo che le cose che guardiamo non assomiglino ai vecchi nastri VHS. Sempre più pixel sono stati inseriti negli schermi prima con l'HD (1080p) e poi con la risoluzione Ultra HD (2160p) con una risoluzione 2 volte superiore a quella di un DVD standard o di un'immagine HD. La risoluzione può essere migliorata ancora di più con 8K UHD (8000p e 16 volte più pixel rispetto al formato HDTV standard) o 8K fulldome (8192×8192 con 67,1 megapixel) che è la risoluzione della proiezione moderna di fascia alta per teatri emisferici o planetari.

Problema di carico dei dati

L'unico problema degli schermi ad altissima definizione è la quantità di dati che tale risoluzione richiede (non si tratta solo di un'immagine, ma anche di una maggiore gamma di colori e di un numero maggiore di canali audio). Non molte connessioni (per non parlare dello streaming di Internet) possono gestire un tale carico di dati e ci sono pochissimi supporti fisici che possono contenere così tante informazioni. 1 minuto di pellicola non compressa con risoluzione Ultra HD richiede circa 350 GB. Con la compressione e un bitrate di 24Gbit/s, 18 minuti di pellicola UHDTV richiedono circa 3,5 TB che possono essere memorizzati solo su HVD (Holographic Versatile Disc con capacità di 3,9 TB). Un disco rivestito di proteine con capacità di memorizzazione teorica di 50 TB è ancora in fase di sviluppo.

Una nuova tendenza

Poiché la capacità di memorizzazione e di trasmissione limita ancora le emittenti e i produttori, è emersa una nuova tendenza. Dopo la fotografia, i produttori hanno deciso di passare a qualcosa di diverso. L'ingrandimento degli schermi televisivi ha i suoi limiti ragionevoli e il numero di pixel arriva al punto che l'occhio umano non è più in grado di vedere la differenza. L'occhio nudo può, tuttavia, vedere la differenza nei colori e nel contrasto dell'immagine, dando così vita alla TV HDR. L'alta gamma dinamica (al contrario di SDR - Standard Dynamic Range), espande il contrasto e il colore. Questa caratteristica non dipende molto dalla risoluzione - un televisore con un contrasto e un colore eccellenti batterà sempre quello con una risoluzione più alta in termini di immagine.

Molte persone che conoscono il termine HDR dalla fotografia temono che l'immagine sulla TV HDR sia esagerata e iperrealistica, come spesso accade con le foto HDR. La fotografia HDR consiste nel fondere diverse immagini di diversa esposizione in una che espone i colori e le gamme di contrasto spesso in modo esagerato. Le immagini TV HDR hanno un contrasto, un colore e una luminosità migliori, rendendo l'immagine più realistica. Per dirla in modo semplice: le foto HDR hanno un aspetto diverso, mentre le immagini TV HDR hanno semplicemente un aspetto migliore.

Realtà virtuale o realtà aumentata?

realtà aumentata

Non importa quanto grande o quanto nitida diventi l'immagine televisiva, non sarà mai un'esperienza interattiva e coinvolgente come la realtà virtuale trasmessa direttamente ai vostri occhi e al vostro corpo. Negli anni '90, la realtà virtuale era all'ordine del giorno di ogni grande azienda con tentativi spettacolari e fallimenti altrettanto spettacolari (con Nintendo Virtual Boy come uno dei tanti esempi). Prima di approfondire le possibili applicazioni di intrattenimento, iniziamo a spiegare le differenze di base tra le due nozioni.

VR

La realtà virtuale è in realtà la creazione di un mondo completamente virtuale, che ti separa efficacemente dal mondo reale che ti circonda. Può essere creato in modo che sia difficile distinguere se ciò che si vede è reale o meno. Ciononostante, si è totalmente immersi in una simulazione o ricreazione artificiale generata al computer dell'ambiente di vita reale che stimola principalmente la visione e l'udito. Di solito si può ottenere indossando un auricolare non passante. Altri sensi possono anche essere aggiunti indossando guanti speciali che simulano il tatto o, in ultima analisi, tute per tutto il corpo che possono fornire un'esperienza corporea complessiva.

AR

La realtà aumentata, invece, consiste fondamentalmente nell'aggiungere componenti virtuali come immagini digitali, grafica o sensazioni come strato aggiuntivo su una realtà esistente. In realtà sta fondendo il mondo reale con le componenti digitali in un modo che si valorizza a vicenda, ma che può essere facilmente distinto. L'esperienza può essere fornita per mezzo di cuffie o occhiali, ma può anche essere utilizzata su dispositivi dotati di fotocamera, come laptop, tablet o anche uno smartphone.

Applicazioni per l'intrattenimento

vr-gaming

La realtà virtuale sembra una soluzione perfetta per il gioco, poiché il mondo che viene creato può includere tutte le fantasie possibili e impossibili e non è limitato da alcuna restrizione della realtà. Inoltre, qualcosa che non ha avuto molto successo nel settore televisivo, ovvero il 3D, può essere incorporato nell'intrattenimento VR per mezzo di cuffie 3D stereoscopiche. Se vi si aggiunge l'intera gamma di touch e di movimenti che simulano i gadget, si ha a disposizione un'attrezzatura di gioco perfetta. Tuttavia, possono apparire alcuni problemi. Per prima cosa, tale attrezzatura può essere piuttosto costosa e richiederebbe un certo spazio dedicato fondamentalmente solo a questo particolare scopo. Non è, per ora, qualcosa che si può portare con sé e godere ovunque si vada. Inoltre, ci sono opinioni che gli ingressi prolungati nel sistema oculo-encefalico (in particolare le immagini stereoscopiche 3D stereoscopiche in prossimità dell'occhio) possono causare uno spettro di deficit neurologici temporanei o addirittura permanenti.

ar-gaming

La realtà aumentata, invece, sembra essere molto più sicura in termini di possibili effetti neurologici (si basa su immagini 3D "naturali" in quanto tratte dall'ambiente di vita reale). Il "mondo" può non essere così impressionante come nel caso delle impostazioni generate da VR, ma dà all'utente un tocco di realtà molto più grande semplicemente perché parte dell'esperienza è, beh, REALE. Inoltre, ad eccezione dei giocatori più accaniti che lodano gli ambienti totalmente artificiali, molte persone sembrano andare più verso l'intrattenimento "on-the-go". Le cuffie AR, o meglio gli occhiali, sembrano essere meno ingombranti dei classici occhiali VR e il loro software può essere effettivamente a bordo del cellulare standard o degli occhiali stessi. La tecnologia non è così sviluppata come nel caso della VR, ma le prospettive sembrano buone.

Dove andiamo ora?

neuroplug

Sicuramente le applicazioni VR/AR saranno ancora sviluppate e sembra che questo sia in realtà il futuro dell'intrattenimento con un'indicazione leggermente più forte verso la realtà aumentata come quella che risponde alle esigenze di una società sempre più mobile. Con i progressi della bio- e delle neuroscienze, possiamo aspettarci nuovi modi di fornire intrattenimento forse direttamente al nostro cervello che, dopo tutto, è pienamente responsabile di ciò che vediamo, sentiamo, annusiamo e sentiamo. Le neuro-testine di tipo EEG che letteralmente "leggono" le nostre onde cerebrali sono già una realtà. Quanto tempo ci vorrà per creare il dispositivo che non solo leggerà l'output del nostro cervello, ma creerà anche degli input? Suona quasi altrettanto eccitante quanto spaventoso.

Buon Ol' Binge

Fortunatamente, la maggior parte delle soluzioni ad alta tecnologia fanno parte del regno della fantascienza o sono ancora in fase di sviluppo e possono essere viste per lo più come progetti concettuali in varie fiere tecnologiche. Oppure sono ancora molto costose e un uomo medio per strada non se le può ancora permettere. Tuttavia, abbiamo ancora i nostri televisori, computer portatili, desktop, tablet o smartphone che possiamo usare per quello che conosciamo e che ci piace di più: lo streaming. Prima di immergerci nel mondo della realtà aumentata in 3D consegnato direttamente al nostro cervello, prendiamo un buon telecomando o un mouse vecchio stile e troviamo il nostro programma o film preferito. Ci sono migliaia di servizi in tutto il web tra cui scegliere, ma consigliamo Smart DNS Proxy, Getflix e Trickbyte come quelli che offrono ciò che tutti noi vogliamo - tonnellate di intrattenimento, buona qualità, supporto efficiente e soddisfazione generale del cliente.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati da *

6 + 3 =

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scoprite come vengono elaborati i dati dei vostri commenti.

Appuntalo su Pinterest

Condividi questo